Uno degli arcipelaghi più suggestivi del nostro incantevole paese è indubbiamente quello delle Isole Eolie, meravigliosi gioielli paesaggistici che guardano con rispetto ed ammirazione l’imponente e storica Sicilia.

L’arcipelago Eolico si compone di due vulcani ancora attivi ed è situato nel cuore del Mar Tirreno. Sette splendide ed uniche isole disseminate lungo la costa nord orientale della Sicilia, definite le “sette perle del Mediterraneo” grazie al loro fascino inimitabile ed immutabile nel tempo. Le sette sorelle affiorano nel Mar Tirreno a circa quaranta chilometri dalla costa siciliana, custodendo in sè una mitologia ed una storia secolare.

Secondo una suggestiva leggenda le Isole Eolie furono create per volere di Eolo, dio dei venti, e sono impregnate di tutta la magia ed il fascino mitologico.

Il Signore dei venti, Eolo, ebbe da Zeus il compito di controllare i venti. Eolo li dirigeva e li liberava custodendoli dentro le caverne e dentro un otre a Lipari. I venti, dopo aver provocato grossi danni, tra i quali il distaccamento della Sicilia dal continente, dovevano essere tenuti sotto controllo. Nel mito tutta la vicenda si rifà a Liparo, figlio di Ausone, e ad Eolo. Liparo è un re italico che, sopraffatto dai fratelli, fugge dall’Italia e giunge in prossimità della Sicilia, in un’isola a cui avrebbe dato il suo nome e in cui avrebbe fondato una città. Ormai vecchio, Liparo sente nostalgia per l’Italia, in quell’isola approda Eolo, che sposa Ciane, figlia del vecchio re, diventa re dell’isola, e aiuta Liparo a tornare in Italia.

Storicamente le Eolie hanno subito diverse dominazioni in un lasso di tempo riavvicinato, come si evince dai numerosi rilevamenti archeologici che palesano i vari intrecci culturali dati dalle differenti dominazioni in essere. Luogo magico ed incantevole è da sempre una delle più attraenti mete turistiche, definita nel 2000 Patrimonio dell’Umanità da parte dell’UNESCO.

Tra le perle dell’ Arcipelago Eolico una delle isole più affascinanti è indubbiamente Salina, scelta dall’indimenticabile Massimo Troisi come location per il suo famosissimo film “Il Postino“. Qui, immerso in una natura imponente e selvaggia, si trova Capofaro Malvasia & Resort, boutique hotel sofisticato ed esclusivo avvolto nello scenario paesaggistico incontaminato dell’isola di Salina.

 

Capofaro Malvasia & Resort nasce dall’ incondizionato amore per la vigna ed il mare della blasonata famiglia Tasca d’Almerita, illustre e massima esponente della viticultura siciliana d’eccellenza; dalla passione per questo luogo incantato, scevro da qualsiasi confine spazio temporale, e dal rispetto per l’impatto ambientalistico, nasce il raffinato resort che ospita venti camere, l’una diversa dall’altra, che guardano sognanti il mare immerse in straripanti ed opulenti vigneti. Dalle terrazze si possono, inoltre, ammirare Stromboli e Panarea, che donano al visitatore un’incantevole visione.

Una meravigliosa piscina, incastonata nella vigna del resort, una terrazza panoramica a strapiombo sul mare, ed un area relax immersa nel verde, arricchiscono questo splendido boutique hotel regalando una vacanza da sogno. Inoltre, Ludovico De Vivo, prestigioso e rinomato chef della struttura, regala ai suoi ospiti un percorso culinario indimenticabile arricchito dagli odori e dai sapori di una terra ricca di storia e tradizione.

“Un percorso Made of Sicilia. Fatto di piatti di casa, di ricette delle tradizione, di storie tramandate dai Monsù. L’obiettivo è quello di raccontare la storia di un territorio e l’anima di una famiglia, valorizzando i prodotti eoliani, in sintonia e continuità tra Capofaro e il Mondo Tasca, le Tenute e le persone che le vivono. Una cucina basata su piatti di casa, ingredienti dell’orto, rivisitando e valorizzando ciò che la natura offre. Il mio sogno più grande, afferma Ludovico,  è quello di far vivere ai nostri ospiti, “amici di casa” il percorso emotivo e produttivo che noi stessi abbiamo vissuto per fare quel piatto, riportandoli là dove l’idea o la ricetta è nata.”

Credits: www.capofaro.it