Tra Venezia e le Dolomiti, nel cuore delle colline del Prosecco, CastelBrando è uno dei manieri più grandi e antichi d’Europa, il cui prestigio sembra riecheggiare tra le valli in cui sorge, portando con se dolci brezze di una storia millenaria.

Panoramiche sul castello

Eretto come castrum in epoca romana per vigilare sulla via Claudia Augusta, divenne nei secoli una proprietà della famiglia Da Camino che lo donò nel 1343 al vescovo di Ceneda. Alla morte di quest’ultimo, il feudo passò sotto la giurisdizione della Repubblica di Venezia che lo cedette nel 1436 al Gattamelata come ricompensa per i servizi militari resi, passando dunque sotto il controllo di Brandolino IV.

Fu con la famiglia Brandolini che il castello venne ampliato e assunse lo stile veneziano che ancora oggi lo caratterizza e lo rende unico nel suo genere, divenendo oggetto di grandi trasformazioni in questo periodo.  Nel 1997 il complesso è stato oggetto di un lunghissimo restauro conservativo che lo ha restituito agli antichi splendori, presentandosi oggi come uno dei più raffinati esempi di riqualificazione turistico-culturale del patrimonio storico ed artistico italiano, facilmente accessibile grazie alla funicolare che corre lungo il pendio della collina.

Royal Suite – Junior Suite – Alcova del conte

CastelBrando offre la possibilità di soggiornare nelle stanze che sono appartenute ai Conti Brandolini per oltre 500 anni, così come degustare piatti caratteristici della locale tradizione in eleganti sale settecentesche, ornate da pregiati stucchi e lampadari veneziani.

Le suite e camere dedicate agli ospiti sono angoli in cui ogni dettaglio è curato nel particolare, donando ad ogni ambiente quel senso di nobile solennità, spesso con vedute sulle incontrastate valli che fanno assaporare il gusto di infinito.

Molte sono le aree comuni: preziosi salotti, atri e teatri dotati delle più moderne tecnologie per meeting ed eventi capaci di ospitare fino a 1800 persone, diversi  bar – anche nell’area cantina – e due negozi, luoghi che si snodano nelle differenti ali del castello, donandogli un aspetto solenne ma tecnologicamente avanzato allo stesso tempo, sempre rispettando la sua profonda storicità. Ad ampliare la grande bellezza del complesso è una chiesetta barocca, affrescata al suo interno da uno degli allievi del Piazzetta. Per testimoniare, infine, la storia millenaria che l’avvolge, nel castello sono state create sei aree museali tematiche aperte ai visitatori e agli ospiti dell’hotel, visitabili anche con il supporto di guide specializzate. Di grande interesse è il percorso naturalistico tra i giardini botanici del castello che permette di scoprire la bellezza di diverse aree aperte, in cui s’innalzano alberi secolari che lo adornano nella loro unicità.

  • Teatro Sansovino
  • Ristorante Sansovino
  • Cantina Ottone – terrazza
  • Museo delle Armi
  • Scalone cerimoniale di accesso
  • Chiesa San Martino

L’ala dove un tempo sorgevano gli antichi bagni romani, ospita oggi un centro benessere, alimentato da purissima acqua di sorgente che sgorga ad 800 metri di altezza all’interno del grande parco che circonda il castello.

Bosco – SPA

Ad abbracciare il castello è un grandioso parco secolare di circa 50 ettari che regala a CastelBrando un sospiro di unicità dove poter vivere un’esperienza indimenticabile coccolati da una cornice medievale senza eguali.

Le grandi piante che circondano il maniero sembrano emergere come tanti guardiani pronti a raccontare, attraverso il soffio del vento che passa tra i loro rami, una storia che non smette mai di far innamorare chi l’ascolta.