Hotel Bellevue Syrene brilla a Sorrento come un vero e proprio gioiello  dal glorioso passato.

Una storia che affonda le sue radici ben due secoli prima di Cristo e che unita alla eccezionalità qualità dell’ospitalità, rende l’Hotel Bellevue Syrene, uno degli alberghi più magici dove soggiornare nell’Italia meridionale.

Terra di misteri, leggende, tradizioni e colori, terra di sole e di mare, terra di vento e di dolce brezza. Terra che incanta e che lascia senza fiato, terra che ti sa stregare e che ti induce a ritornare.

È forse il canto delle sirene ad incantare i visitatori, le stesse che secondo i miti greci abitavano le coste sorrentine riempiendo storie di marinai, di mostri marini e di viaggi eroici come quello di Ulisse.

Forse, ancora oggi, con il loro canto, le Sirene ammaliano visitatori provenienti da ogni luogo, li fanno perdutamente innamorare e li inducono a ritornare.

Bellevue-Syrene-hotel-sorrento-pool-terrace
Pool terrace

L’Hotel Bellevue Syrene sorge sulle fondamenta di una antica villa repubblicana datata al II secolo a.C.

Tante civiltà hanno “vissuto” in queste incantate terre: gli Etruschi, i Greci. E poi i Romani, Bisanzio, i Longobardi, i Normanni e gli Aragonesi, ciascuno lasciando un’impronta indelebile nella storia locale.

Spettacolare resta la grandiosa potenza di Roma che mostra costantemente le sue tracce in tutto il Mediterraneo antico. Ville, templi, porti e città parlano della sua magnificenza e ricordano il suo espanso potere.

Sorrento è testimone di questo glorioso passato, tanto che alcuni gioielli dell’antichità, al fine di essere restaurati e tutelati sono stati incastonati all’interno di strutture ricettive.

Bellevue-Syrene-hotel-sorrento-Lord-Astor-Suite
Lord Astor Suite

Il Bellevue Syrene: una storia mozzafiato.

Il luogo, dove sorse la dimora estiva dei Conti Mastrobuono nel 1750, fu trasformato in un piccolo e accogliente albergo già nel 1820. Puntando la sua unicità proprio sulla presenza delle vestigia antiche furono avviati lavori di restauro anche sugli affreschi del XVII secolo che decorano una parte dell’antica residenza.

La bellezza dell’insieme, tra antichità, scenario incantevole e voglia di conservazione, portarono Giovanni Waldorf Astor ad esserne completamente rapito. Tanto che fece costruire tra il 1905 e 1907 una copia della casa dei Vetti di Pompei all’interno dell’albergo.

Bellevue-Syrene-hotel-sorrento-Villa Pompeiana
Villa Pompeiana

L’antichità storico-artistica del Bellevue Syrene è stata rispettata dalla famiglia di Albergatori Sorrentini.

L’acquisto risale al 1995 e, pur puntando ad un ammodernamento generale, i Sorrentini sono riusciti a trovare una perfetta chiave di unione tra antico e nuovo, preservando la storicità del Bellevue Syrene.

Gli eleganti arredi dai colori chiari e le raffinate decorazioni rendono le camere accoglienti e confortevoli. Vi fanno da cornice vedute mozzafiato che si possono pregustare dalle finestre panoramiche. Lo sguardo si perde nell’incantevole baia, dove il Vesuvio rimane a custodia delle turchesi acque.

Bellevue-Syrene-hotel-sorrento-Deluxe suite
Deluxe suite

L’Hotel Bellevue Syrene è concepito come una vera e propria galleria d’arte.

Opere moderne e contemporanee si fondono con le componenti più antiche legate alle radici del posto, cercando e individuando un vero equilibrio in ogni angolo della struttura.

Nel “Giardino d’Inverno” si possono ammirare opere realizzate da Mario Cresci, Maurizio Montagna, Paolo Sandulli.  Le  terrazze “la  Pergola” e “Villa  Pompeiana” sono invece il luogo ideale dove ristorarsi con un drink, sorseggiare pregiati vini. O dove rilassarsi con una cena riservata e di qualità.

Il Ristorante “Mimmo Jodice, dalle ampie e lucenti vetrate, è arricchito con opere dell’omonimo artista. Capolavori che esaltano un ambiente di classe, valorizzato da un servizio di alto livello. E’ qui che i gusti e i profumi di una  tradizione gastronomica d’eccellenza sannoraccontare i sapori e i colori di un ricco territorio.

Bellevue-Syrene-hotel-sorrento-La pergola terrace
La pergola terrace

Ma la vera sorpresa del Bellevue Syrene è data percorrendo la discesa verso la spiaggia riservata.

 E’ qui che l’animo umano riesce a riempirsi fino nel profondo, potendo rilassarsi al cospetto di grotte e ninfei d’epoca romana. Rivivendo sul corpo la profonda storicità del posto, immaginando di essere in compagnia degli imperatori dell’antica Roma.

Le ampie terrazze con piscine esterne riescono a donare agli ospiti momenti di assoluta serenità, angoli in cui oltre a rilassare il corpo viene rinvigorito lo spirito.

Bellevue-Syrene-hotel-sorrento-Ninfeo romano
Ninfeo romano

Caratteristica e raffinata resta anche la pittoresca cantina ricavata in una delle grotte romane. O ancora la citata “Villa Pompeiana”, in cui un ampio terrazzo colonnato e due sale interne dal caratteristico colore rosso, è perfetta per serate di gala o per banchetti esclusivi.

Bellevue-Syrene-hotel-sorrento-Villa Pompeiana terrace
Villa Pompeiana terrace

I grandi ospiti dell’Hotel Bellevue Syrene

Re, Regine ed Imperatori come Luigi II di Baviera, Eugenia Imperatrice di Francia moglie di Napoleone e Vittorio Emanuele III con la Regina  Elena, archeologi del calibro di Schlimann. Questi solo alcuni degli ospiti che insieme  a persone illustri legate al mondo dell’arte hanno soggiornato in questo luogo in varie epoche.

L’Hotel Bellevue Syrene non è solo un resort  dove poter trascorrere momenti unici e irripetibili. L’albergo è anche un posto che permette agli amanti della storia e delle tradizioni partenopee di poter visitare le innate bellezze della colorata Sorrento e la splendida baia di Napoli.

Bellevue-Syrene-hotel-sorrento-Suite roccia pool
Suite roccia pool

Scegliete il Bellevue Syrene se desiderate  immergervi nella storia. Permetterete allo spirito di rigenerarsi, di fuggire verso luoghi lontani e  correre con lo sguardo verso orizzonti indefiniti.  Il risultato sarà cogliere l’essenza di un racconto antico che ha il sapore di attualità e di totale confort.

 

Potrebbe interessarti anche l’approfondimento sull’Hotel Vesuvio a Napoli.