Il ricamo è un’arte antica, talmente antica da risalire all’epoca egiziana. Con ogni probabilità la sua origine è riconducibile all’unione di pelli, in un primo tempo, e successivamente alla realizzazione di tessuti pregiati destinati a personaggi di rilievo. A causa della difficoltà di reperire informazioni certe, data dal fatto che le tradizioni venivano tramandate solo oralmente, si può solo supporre che il ricamo sia nato come una tradizione appartenente alla sfera popolare e successivamente ampliatosi fino ad arrivare ai ceti più abbienti. In Italia il ricamo nasce come una delle più belle espressioni della cultura saracena, a testimonianza di ciò la nascita della prima scuola di ricamo a Palermo nei primi anni del secondo millennio.  Nel XII secolo questa meravigliosa arte comincia a dilagare in tutta europa ma è soltanto nel XIV secolo che prendono corpo i più importanti e sofisticati lavori di ricamo conosciuti, ovvero l’arazzeria francese, inglese e tedesca.

Intanto la scuola italiana, dopo aver preso distanza dall’iniziale gusto orientale, elegge come centro della propria attività Firenze e trova la sua massima espressione con la realizzazione di veri e propri capolavori. Successivamente Filippo Maria Visconti richiamò alla sua corte di  Milano i più bravi artisti fiorentini e veneziani, che diedero origine, attraverso il connubio tra l’arte fiorentina e veneziana ed il gusto orientale, a splendide e sontuose decorazioni arabescate.

Firenze, patria della più esclusiva arte del ricamo e luogo dove nasce la grande passione di Loretta Caponi.

Loretta Caponi inizia a manifestare la sua grande inclinazione per questa sofisticata lavorazione all’età di nove anni; già da piccola, infatti, prende vita il suo grande e sempre più forte amore per il ricamo e, grazie alle sue doti innate, riceve ben presto il consenso di un pubblico estremamente raffinato grazie al quale le sue creazioni artistiche vengono esposte a Roma negli anni ’50.

Successivamente la sua formazione artistica sarà fortemente influenzata dagli influssi della sofisticata cultura fiorentina. Nel 1957 Loretta Caponi apre la sua prima bottega-laboratorio a Firenze in Borgo Ognissanti per poi trasferirsi nella sua bottega attuale in Piazza Antinori. Le sue splendide creazioni artigianali sono state fortemente volute da famiglie del jet set internazionale come i Kennedy, i Rockefeller, Sting e Madonna.

Le sue esclusive collezioni sono sempre uniche e personalizzate grazie alla possibilità di utilizzare la Boutique digitale che raccoglie tutte le bellissime creazioni sartoriali, rigorosamente Made in Italy, che hanno riscosso maggiore successo.

La bottega-laboratorio è il risultato di una raffinata ristrutturazione che unisce sapientemente una vecchia autorimessa ad un negozio, un tempo magazzino di pianoforti. Questo bellissimo spazio, di oltre 650 mq, arredato con imponenti mobili antichi ed impreziosito da scenografici soffitti a volta affrescati, rappresenta l’esclusivo punto vendita costellato dai vari laboratori dove “lavorandi specializzati creano i modelli esclusivi sotto la guida di Loretta e Lucia Caponi“.

Loretta Caponi sofisticata regina del ricamo, presenta le sue creazioni uniche presso il punto vendita mono marca nel cuore di Firenze, nell’esclusiva Forte Dei Marmi e, dall’Ottobre 2013 la Caponi apre la Boutique online attraverso la quale è possibile acquistare le sue realizzazioni sartoriali di maggior successo.

Credits: www.lorettacaponi.com