L’antica tessitura Luigi Bevilacqua è rinomata nel mondo per la sua produzione artigianale di tessuti pregiati per l’arredamento e l’alta moda. Alla tradizione secolare si affianca un concept moderno che permette ai prodotti della prestigiosa azienda di affermarsi pienamente come inimitabili e contemporanei complementi d’arredo.

Luigi Bevilacqua
Grottesche in velluto dall’Archivio Bevilacqua – Credit: Bevilacqua

La più antica tessitura attiva in Europa

Alla Tessitura Luigi Bevilacqua appartiene una storia dalle origini antiche; nonostante sia stata fondata ufficialmente a Venezia intorno al 1700, è possibile rintracciare già due secoli prima il nome di Giacomo Bevilacqua, antenato della famiglia e tessitore sul finire del XVI secolo.

Nella antica sede di Venezia si conservano e si utilizzano ancora oggi ben 18 telai originali del Settecento appartenuti alla Scuola della Seta della Serenissima e acquistati da Luigi Bevilacqua sullo scorcio degli anni Settanta del XIX secolo.

Luigi Bevilacqua
Collezione 2019 Cuscini – Credit: Bevilacqua

Commissioni importanti costruiscono una fama internazionale

Luigi Bevilacqua tramutò l’antica tessitura in vera e propria azienda di famiglia, coinvolgendo i tre fratelli; l’unione delle loro competenze riuscì a far conoscere la manifattura veneziana in tutto il mondo: in poco tempo Bevilacqua divenne sinonimo di tessuti di eccellenza.

Questa fortuna andò consolidandosi quando, negli anni Trenta del Novecento, la famiglia ricevette importanti commissioni, tra le quali l’arredamento di lussuosi saloni e la produzione di tessuti per importanti teatri come La Fenice a Venezia.

La Tessitura Bevilacqua sarà poi nominata Fornitore Pontificio a sancire il riconoscimento della qualità della loro manifattura artigianale.

Luigi Bevilacqua
Tessitura – Credit: Bevilacqua

Dai disegni storici ai motivi personalizzati sul velluto

L’archivio storico Bevilacqua con oltre 3500 disegni è fonte d’ispirazione per i più famosi stilisti e designer di tutto il mondo: un vero e proprio viaggio nella storia, dal Medioevo al Déco.

I motivi realizzati a mano sui tessuti possono riprodurre fedelmente i disegni di archivio oppure essere progettati in modo personalizzato in base alle richieste.

Luigi Bevilacqua
Tessuti Luigi Bevilacqua – Credit: Bevilacqua

L’artigianato incontra le moderne tecnologie nel nome della qualità

La Tessitura Bevilacqua si divide tra produzione manuale e meccanica; quest’ultima, introdotta negli anni Trenta, ha permesso di elaborare particolari tecniche di tessitura utilizzando sempre i disegni esclusivi di Bevilacqua e mantenendo inalterata la qualità e il prestigio del marchio di famiglia.

La tessitura manuale ha mantenuto il suo laboratorio nella storica sede a Venezia, in Santa Croce con affaccio sul Canal Grande.

Luigi Bevilacqua
Telai della Tessitura Luigi Bevilacqua – Credit: Angela Colonna

Preziosi velluti di arredamento fatti a mano

Il tipo di tessuto più pregiato e più complesso che Bevilacqua produce è il velluto soprarizzo. Particolare e tipicamente veneziano, presenta due tipi di pelo: il velluto riccio ed il velluto tagliato.

Partendo dallo stesso filato, si differenziano nella tipologia di lavorazione che, oltre ad impreziosire il disegno, crea anche diverse sfumature di colore.

Il velluto riccio, infatti, riflette la luce e risulta più chiaro, mentre il velluto tagliato, assorbendola, appare più scuro. La lavorazione è estremamente lenta, dal momento che, su ogni telaio, si producono poche decine di centimetri al giorno.

Perizia e meticolosità per creare tessuti unici di inestimabile valore

Dietro alla produzione di ogni singolo prodotto creato a mano nella tessitura Luigi Bevilacqua si cela una tradizione secolare tramandata da tessitore a tessitore: la formazione di ogni artigiano è basata sull’osservazione di mani più esperte e sullo studio profondo degli strumenti di lavoro: i telai.

Imparare ad ascoltare queste preziose macchine antiche è fondamentale: un lavoro non automatico che richiede continua concentrazione da parte dei tessitori. Con grande esperienza gli artigiani del velluto ascoltando il loro telaio riescono ad intervenire tempestivamente, evitando che le stoffe si rovinino.

Luigi Bevilacqua
Jungle Bar all’interno del club Annabel’s – Credit: Kames Mcdonald

I tessuti Bevilacqua arrivano a Londra e vestono il leggendario Annabel’s

All’interno di un intero palazzo georgiano nel cuore di Londra, Annabel’s è un club leggendario ed esclusivo; nel 2018 il restyling curato dall’interior designer Martin Brudnizki ha saputo valorizzare senza sacrificare il carattere stravagante dello storico club.

Il Jungle Bar nel seminterrato dell’edificio accoglie i suoi ospiti come se fosse una giungla popolata da animali immersi in una fitta vegetazione.

Luigi Bevilacqua
Cuscino lampasso uccelli in colore avorio, Luigi Bevilacqua – Credit: Bevilacqua

Velluti di arredamento firmati Luigi Bevilacqua

Le poltrone di Annabel’s sono rivestite interamente dai velluti dell’antica manifattura veneziana con fantasie animalier tra i quali il pregiato e famoso velluto Tigre.

Animali e frutti esotici arricchiscono la serie di cuscini Bevilacqua, rivestiti dei   lampassi uccelli e melograno. L’insieme, eccentrico e stravagante, è un omaggio al mondo esotico al quale il designer puntava.