Le scarpe, croce e delizia della maggior parte delle donne le quali hanno come sogno ricorrente, da sempre, quello di posseder ne quante più paia possibili.

Due Maison di prestigio che producono degli esclusivi e scenografici modelli di scarpe, adatte alle donne più raffinate, sono indubbiamente René Caovilla e Dal Cò.

La storia di René Caovilla inizia nel XX secolo dall’idea di Edoardo Caovilla, che trasforma la sua innata  passione per le scarpe nel suo mestiere, diventando, in poco tempo, un brand famoso in tutto il mondo. René Caovilla crea un vero e proprio connubio tra artigianato e couture sviluppando delle creazioni suggestive ed eleganti adatte ad ogni tipo d’occasione. Successivamente entra a far parte dell’azienda, negli anni cinquanta, Renè Fernando il quale, con il suo essenziale aiuto, dona alla Maison delle creazioni che costituiscono un incontro tra arte e alta moda, e grazie al suo occhio vigile ed attento sulle tendenze del mercato diventa, il tal modo, un vero e proprio scultore di calzature d’eccellenza. Creazioni eleganti con inserti preziosi che rendono la scarpa un vero e proprio gioiello, rifiniture che impreziosiscono e danno quel tocco in più a qualsiasi outfit che si è scelto, e grazie al meticoloso lavoro, che risiede dietro la realizzazione di ogni paio di scarpe, Renè Caovilla diventa  un marchio di nicchia per le donne più ricercate e pretenziose. Negli anni sessanta Caovilla vanta la collaborazione con Valentino Garavani e, grazie alla speciale affinità creativa che nasce tra il brillante stilista ed il progettista, vengono eseguite creazioni apprezzate in tutto lo scenario internazionale.

Dopo lì incontro professionale con Valentino Garavani iniziano delle collaborazioni con altre Maison di prestigio inestimabile come Christian Dior, con cui Caovilla realizza creazioni fantasiose e spiritose, un mix tra realtà e fantasia che verranno successivamente presentate nelle più importanti passerelle parigine.

Nel 2006 René Caovilla riceve il prestigioso premio dal Presidente della Repubblica Italiana “Leonardo Qualità Italia” per la sua eccellente e prestigiosa carriera che segna un anno ricco di successo e soddisfazioni per la Maison. Segue un altro importantissimo riconoscimento ovvero il “Robb Report” nella categoria “Scarpe da sera” negli Stati Uniti.

Questa maestosa azienda veneta rappresenta un vero e proprio gioiello artigianale del nord Italia che  ha reso la scarpa un oggetto di culto, e che si è, nel tempo, fatto apprezzare in tutto il mondo  vantando store nelle più belle località come Milano, Porto Cervo, Parigi, Tokio e Dubai.

Parlando di capolavori artigianali e di scarpe gioiello, un’altra realtà che non può non essere citata è  Dal Cò a Roma.

Dal Cò nasce dall’idea di Alberto Dal Cò, classe 1902 e brillante calzolaio di Traversetolo.

Subito dopo la II guerra mondiale si trasferisce a Roma ed apre un negozio-laboratorio per calzature su misura collaborando con firme di altissima moda come Shubert, Lancetti e Fabiani.

In quegli anni, per la realizzazione di un paio di scarpe esclusive e su misura si eseguiva, un vero e proprio percorso sia con il cliente sia con le case di sartoria d’alta moda al fine di realizzare un modello di scarpa con la medesima stoffa e materiali del vestito e degli accessori di riferimento.

Nomi illustri come Sophia Loren ed Audrey Hepburn hanno rappresentato degli importanti testimonial della filosofia Dal Cò che fu una delle prime realtà a diffondere e a divulgare la moda del tacco alto.

Brand famosissimo in tutto il mondo, alcuni delle cui creazioni sono esposte al Metropolitan Museum of Art, come la famosa scarpa “Paparazzo” creata negli anni Cinquanta che fece scalpore in quanto all’interno del tacco era presente una rondella a lamine che poteva essere utilizzata contro i fotografi.

Oggi il laboratorio della sofisticata realtà è situato a Roma vicino l’imperiosa Piazza di Spagna e grazie al meticoloso aiuto della figlia Nives e della nipote Silvia, la Maison esegue delle creazioni di scarpe da sposa e da cerimonia, realizzate con materiali preziosi ed arricchite da ricami ed inserti.

Le scarpe, bellissime e preziose come brillanti, da sempre migliori amiche delle donne.

E come sosteneva Imelda Marcosnon è vero che possedevo 3000 paia di scarpe, ne avevo solo 1.060“!

Credits: www.renecaovilla.com , www.dalco-roma.com