Chi ha detto che per ottenere grandi prestazioni sia necessario chiudere un occhio di fronte alle emissioni?

Ormai i principali clienti di auto sportive e supercar hanno aperto le proprie vedute e le case automobilistiche si stanno sempre più adeguando al mercato. Una su tutte, Lexus.

Il luxury-brand di casa Toyota cavalca i successi della sua LC 500h Hybrid, la sportiva ecologica.

Lexus 500h Hybrid

La leadership dell’ibrido Lexus in  Europa si è inevitabilmente rafforzata con la nuova GT coupé 2+2. Dal 2013 al 2017 sono quadruplicate le vendite della casa giapponese che ha anche aumentato i punti vendita italiani da 23 a 36.

Ispirata alla concept-car LF-LC esibita nel 2012, Lexus 500h Hybrid risulta tanto aggressiva quanto elegante.

I designer hanno studiato una griglia frontale molto estesa e spigolosa e l’auto sembra dare l’impressione di divorarsi il manto stradale.

Cerchi molto larghi in relazione all’altezza della vettura, 20 pollici a fronte di 1.35 metri complessivi, e linea schiacciata a favore di una maggiore tenuta di strada, soprattutto a grandi velocità. La linea posteriore, larga e decisa, è coronata dal doppio scarico volutamente poco nascosto, come per sottolineare l’anima sportiva della creatura Lexus.

Lexus 500h Hybrid

Le versioni in commercio sono due: LC Sport+ e LC Luxury 500h.

Il modello sportivo vanta un motore V8 a benzina da 477 CV e 540 Nm di coppia mentre quello ibrido, considerato anche il più confortevole, monta un propulsore V6 da 299 e 348 Nm abbinato all’unità elettrica da circa 45 kW.
I CV di potenza totale risultano essere ben 359. 250 km/h di velocità massima e un’accelerazione da 0 a 100 km/h in soli 4,7 secondi. Innovativo il cambio Multi-Stage Hybrid System, in grado di simulare il comportamento da 1 a 10 marce e permettere di cambiare in modalità manuale, caratteristica che rende la guida di una sportiva inevitabilmente più divertente.

Lexus 500h Hybrid

Curiose alcune caratteristiche negli interni. Oltre ai sedili, è regolabile elettricamente anche il volante e il posto di guida è configurato ergonomicamente. L’abitacolo è foderato per intero in alcantara e pelle, la fattura dei vari componenti denota un’ottima qualità della materia prima. La posizione bassa del sedile non influisce negativamente sulla visuale grazie alla linea ribassata del cofano e al bordo ribassato del pannello strumenti.  Non eccede lo spazio nel divanetto posteriore, trattasi dopotutto di una coupé 2+2.

I comandi nell’impianto di infotainment non mancano di certo, quasi abbondano. La plancia è sviluppata su due linee orizzontali e ospita il display da 10,3 pollici, controllato dal touchpad che si trova sul tunnel. Buona parte delle funzioni è azionabile, ovviamente, direttamente dal volante multifunzione.

Lexus fa registrare passi avanti dal punto di visto della sicurezza: il cruise control si disattiva esattamente nel momento in cui rileva una vettura più lenta davanti a sé, riaccelererà nel momento in cui si cambierà corsia.

Lexus 500h Hybrid

Con questa auto Toyota affida al proprio marchio di lusso l’incremento del mercato europeo di alta fascia, dopo essersi già stabilizzata in posizione dominante sia in Asia che in America.

Una tradizione, quella Lexus, che nonostante la giovane età dell’azienda, nata 28 anni fa, è in costante crescita. Merito della linea ibrida rispecchiante a pieno la mission aziendale.

Lusso, basato sull’ecologico.