Al via dal 14 Settembre la 67° edizione dell’IAA di Francoforte, fin da subito molto chiacchierata per via della rinuncia alla manifestazione di sette importanti brand tra cui Volvo, Alfa Romeo e Jeep.

Assenze rilevanti ma le carte in regola per aspettarsi un salone ricco di sorprese ci sono tutte: in attesa di scoprire cosa riserverà il cavallino rampante della Ferrari, il focus dell’eleganza mista a potenza in pieno stile italiano è già puntato su Maserati.

Il marchio del Tridente sarà infatti rappresentato dalla nuova GranTurismo MY 2018. A 10 anni dall’ultima GT la Casa di Modena esce con un vero e proprio restyling della GranTurismo all’italiana, rifacendosi, senza volerlo nemmeno troppo nascondere, al concept dell’Alfieri lanciata a Ginevra nel 2014.

Maserati Granturismo MY2018

La GranTurismo MY 2018 è simbolo della tradizione Maserati divenuta tale nei 102 anni di storia dell’azienda. Sintesi dei concetti cardine del marchio: eleganza e grinta.

Non a caso le versioni della GT sono due: il modello Sport si lascia apprezzare per il suo design lineare e sinuoso, mentre l’MC (Maserati Corse) fa emergere anche la sua aggressività, pensato per coloro che al comfort vogliano abbinare il brivido della guida più temeraria.

Proprio il modello MC MY 2018 è stato protagonista del lancio ufficiale fatto alla Borsa di New York dall’ad di Maserati Reid Bigland.

GranTurismo Sport MY 2018
GranTurismo Sport MY 2018
GranTurismo MC MY2018
GranTurismo MC MY2018

Il nuovo prodotto si riconosce dal suo predecessore grazie alla griglia anteriore che richiama il modello Alfieri.

La calandra esagonale si rifà alla forma di uno squalo e offre un effetto tridimensionale, posizionando le prese d’aria più in basso rispetto al modello precedente per migliorare i flussi aerodinamici.

Maserati Granturismo MY2018 - dettaglio anteriore

Anche il paraurti posteriore presenta linee più curate e lineari. Il motore V8 aspirato da 4,7 litri, di produzione Ferrari, sviluppa una potenza di 460 CV e 338,33 Kw, dichiarando una coppia di 520Nm in abbinamento al cambio automatico ZF a 6 rapporti.

Prestazioni dunque in miglioramento: la versione Sport offre una velocità massima di 299 km/h con un’accelerazione da 0 a 100 km/h in 4,8 secondi. Leggermente più prestante la MC che, con assetto alleggerito, tocca i 301 km/h passando da 0 a 100 km/h in 4,7 secondi.

Maserati Granturismo MY2018 - posteriore

Nella GranTurismo interni e tecnologia al servizio del comfort vanno di pari passo. I sedili in pelle Poltrona Frau dotati di poggiatesta integrati possono essere, a scelta, rivestiti in pelle o alcantara e pelle fino a una combinazione massima di 13 colori.

Maserati Granturismo MY2018 - interni

Il sistema di infotainment è stato progettato per essere compatibile con la funzione di mirroring per smartphone, con entrambi i sistemi Apple CarPlay e Android Auto.

I pulsanti per le varie modalità di guida sono stati spostati accanto alla leva del cambio, mentre la console centrale ha subito un rimodellamento per ospitare un doppio selettore rotante in alluminio forgiato.

Maserati Granturismo MY2018 - interni

La grande varietà di personalizzazioni ottenibili anche semplicemente dal sito ufficiale Maserati, condita dai numerosi optional disponibili, fanno della GranTurismo restyling un’auto adatta a tutti i gusti e in grado di soddisfare ogni esigenza estetica.

Esempi di optional molto gettonati sono i vari pacchetti di rivestimenti in carbonio interni ed esterni e l’Homelink, utilissimo per chi volesse gestire dall’interno della propria vettura l’apertura e la chiusura di cancelli e garage di casa o addirittura attivare impianti di allarme e illuminazione.

Affascinante l’idea di potersi assicurare non sono una vettura degna di essere definita in tutto e per tutto supercar ma anche la possibilità di entrare a far parte della tradizione della Casa del Tridente, marchio principe dell’eleganza e della classe unite alla sportività e alla grinta che contraddistinguono la propria storia.

Maserati Granturismo MY2018 - dettaglio logo Maserati

Dalla Maserati 6CM alla Ghibli, dalla Quattroporte alla Levante.

Un tuffo nel passato dipinto dalla storia GranTurismo e un tuffo nel futuro proiettato alla prestanza che, in un paradosso divenuto realtà, fa della comodità la propria arma in più.