Chanel Métiers d’Art dal 2002 mette in luce il savoir-faire degli artigiani che collaborano con la Maison. Un dialogo creativo cominciato da Mademoiselle Coco già nel 1950.

L’imperdibile appuntamento con Chanel Métiers d’Art 2020  si è svolto quest’anno al Grand Palais di Parigi che per l’occasione ha cambiato volto, trasformandosi nell’atelier storico di Gabrielle Chanel in Rue Cambon, 31 a Parigi.

Collezione dei Métiers d’Art 2019/2020_ Foto by Olivier Saillan
Collezione dei Métiers d’Art 2019/2020_ Finale_ Foto by Olivier Saillant

Rue Cambon, 31 a Parigi, cuore creativo di Maison Chanel

Immaginate di salire la mitica scala Art Deco dell’appartamento di Gabrielle Chanel, cuore creativo della Maison di moda più famosa al mondo, e di scoprire un luogo intimo, barocco, pieno di libri e accessori, collezionati nel corso degli anni da Mme, prima di prendere parte allo show presentato nel grande salone al piano sottostante. Così il Grand Palais ha dato via alla magia, trasformandosi il 4 dicembre in uno scrigno raffinato e prezioso, per presentare una collezione sublime, che codifica con maestria lo spirito senza tempo e l’allure Chanel.

Collezione dei Métiers d’Art 2019/2020_ Foto by Olivier Saillan
Collezione dei Métiers d’Art 2019/2020_ Finale_ Foto by Olivier Saillant

Eleganza e contemporaneità. La cifra stilistica della collezione.

La contemporaneità di Chanel Métiers d’Art, pervasa da un’eleganza emblematica, è caratterizzata da capi realizzati in tweed così fine da ricordare la maglia. Protagonisti, gli immancabili tailleur dalle giacche accorciate e bordi arrotondati, fermate in vita da fini cinture con catene e perle. Queste creazioni studiate nel dettaglio sono indossate sia con pantaloni o gonne dalle lunghezze accorciate e lunghi spacchi, al fine di consentire massima libertà di movimento. Le giacche, sono rivisitate e presentano abbottonature laterali, mentre i tailleur diventano lunghi abiti con scollature asimmetriche dalla spalla sino alla schiena. La classicità dei tessuti e motivi lascia spazio al tye dye. Nero, blu, rosa e malva. Colori fusi insieme per creare delicate poesie cromatiche su completi, abiti in chiffon e sul tailleur, che si ispira a quello in tweed rosa realizzato da Gabrielle Chanel nel 1960. Ogni creazione è un trionfo di creatività e savoir-faire storico. Tra gli accessori spiccano le iconiche borse della Maison, i modelli 11.12 e la 2.55, mentre il modello Boy Chanel e Gabrielle diventa una miniatura portata come un gioiello.

Collezione dei Métiers d’Art 2019/2020
Chanel Métiers d’Art 2019/2020

Classica femminilità.

L’aria frizzante, vitale è tangibile in ogni singola uscita. Le modelle ripercorrono la storica scala e sfilano lungo il salone. I cappotti doppiopetto in cashmere nero sono arricchiti da nastri in chiffon, ma anche sottili cinture con catene. A donare femminilità, gli abiti in pizzo nero, arricchiti da piume che seguono la scollatura. Gli abiti color carne, tempestati di cristalli, sono enfatizzati da camelie in tulle ricamate in rilievo. Gabbiette in oro costellate da strass sono portate al polso in memoria della gabbietta presente nell’appartamento di Mademoiselle.

Classica femminilità. L’aria frizzante, vitale è tangibile in ogni singola uscita. Le modelle ripercorrono la storica scala e sfilano lungo il salone. I cappotti doppiopetto in cashmere nero sono arricchiti da nastri in chiffon, ma anche sottili cinture con catene. A donare femminilità, gli abiti in pizzo nero, arricchiti da piume che seguono la scollatura. Gli abiti color carne, tempestati di cristalli, sono enfatizzati da camelie in tulle ricamate in rilievo. Gabbiette in oro costellate da strass sono portate al polso in memoria della gabbietta presente nell’appartamento di Mademoiselle.
Chanel Métiers d’Art 2019/2020_ Foto by Olivier Saillant

Poesia cromatica

A chiudere il defilé, un bomber jacket con camelie in tulle applicate indossato con una gonna fluida a tubino in satin nero. Il fiore preferito dalla designer, diventa scultura e completa il look, donando un tocco di iper femminilità. La palette colore scelta ruota intorno al nero, oro, bianco e rosa, quest’ultimo declinato in nuance delicate come albicocca e nude, ma anche più forti, vitaminiche, come fucsia e fragola.

Collezione dei Métiers d’Art 2019/2020_ Foto by Olivier Saillant
Chanel  Métiers d’Art 2019/2020_ Foto by Olivier Saillant

Le 19M. Un ponte tra tradizione e innovazioni.

La collezione descrive bene il costante dialogo creativo tra Virginie Viard, designer della Maison, e gli artigiani dei Métier d’Art. Un sodalizio consolidato, che perdura da più di tre decenni. Il nuovo quartier generale di Chanel, battezzato Chanel le 19M, è il luogo dove la magia prende vita. Situato al 19° Arrondissement, questo spazio di oltre 25.500 metri quadrati, disegnato dall’architetto Rudy Ricciotti, risponde ai bisogni di seicento artigiani. In questo luogo, che ospita dieci dei 25 métiers d’art totali, le visioni si trasformano in capi e accessori di lusso. Un ponte tra tradizione e innovazioni, dove le eccellenze riporteranno Parigi come centro creativo di eccellenza.

Chanel Métiers d’Art 2019/2020_ Foto by Olivier Saillant

Potrebbe interessarti anche la mostra di Jean Paul Goude a Milano.