Dolce e Gabbana gioielli. Una visita agli atelier della manifattura a Legnano per scoprirne savoir faire e creatività.

Scienza e poesia si incontrano spesso in natura, ma raramente ciò genera armonia sensoriale quanto un arcobaleno, un fenomeno naturale dovuto alla rifrazione della luce che attraversa le goccioline di pioggia rimaste in sospensione dopo un temporale, o presso una cascata o una fontana. Un arco perfetto di colori trasparenti che sfumano dal rosso al violetto, creando una luminosità speciale all’interno dell’arco: i bambini che lo vedono per la prima volta ne restano incantati ed entusiasti. Imitarne l’effetto magico non è semplice, ma è proprio questo uno dei compiti principali degli atelier di gemmologia allestiti all’interno della manifattura di Alta Gioielleria e Orologeria voluta da Domenico Dolce e Stefano Gabbana a Legnano (à côté della sartoria di Alta Moda). Nella collezione Dolce e Gabbana gioielli Rainbow, infatti, ogni pezzo (ciondoli a croce, anelli, orecchini circolari, bracciali e collier) è decorato da un degradé di pietre preziose dal rosso al violetto della stessa misura e forma, o di taglio diverso, cercate a una a una per poter essere accostate con continuità e rispetto delle proporzioni, minimizzando il più possibile la presenza di metalli (anche preziosi) tra una gemma e l’altra.

Dolce e Gabbana gioielli Rainbow
Dolce e Gabbana gioielli – Collezione Rainbow

Non è facile trovare due pietre “uguali” soprattutto quando si parla di tormaline particolari, come la Paraiba o la Padparadscha, rispettivamente di colore verde-azzurro caraibico o arancio-rosato, ma anche nella gamma dei blu e dei verdi la ricerca non si ferma agli zaffiri e agli smeraldi bensì si allarga alle qualità più originali di peridoto, berillo e acquamarina. Costruire il prisma cromatico da incastonare sui minuscoli binari in oro che fisseranno le pietre in perfetta continuità è un’operazione certosina, che le mani esperte delle gemmologhe attive chez DG eseguono con infinita pazienza e perizia, eseguendo anche un primo controllo sulla qualità delle gemme, tutte di origine tracciabile e certificata.

Poco distante si trova il laboratorio che produce i capolavori di alta gioielleria, perché di capolavori si tratta come si è visto durante la sfilata Haute Couture svoltasi ad Agrigento nel luglio scorso: tutti ispirati all’antichità classica, i pezzi super preziosi creati dalla maison Dolce e Gabbana non risparmiano né sulle gemme né sulle lavorazioni dell’oro, riportando in luce anche tecniche quasi dimenticate come la filigrana.

Dolce e Gabbana gioielli Rainbow
Dolce e Gabbana gioielli – Collezione Rainbow

L’ispirazione storica dell’antica Grecia.

Senza pregiudizi nei confronti delle decorazioni, anche e soprattutto se elaborate e barocche, il duo creativo ha mandato in passerella collane giunoniche, orecchini chandelier e headpieces pricipeschi, come la tiara di ispirazione greca in oro bianco e giallo che mostra alcuni elementi iconografici dell’arte classica: le monete decorate con profili maschili e femminili sono ottenute grazie a un sofisticato lavoro di incisione e cesellatura, interamente eseguito a mano, mentre i fregi, illuminati da acquamarine, tormaline, zaffiri e diamanti sono lavorati con la tecnica del filo ritorto.

Analoga attenzione, con un plus di passione aggiunta, è dedicata agli orologi, per i quali la maison ha voluto un movimento esclusivo Swiss Made da montare sui suoi modelli top di gamma, chiamati appunto Manifattura italiana: sei referenze dedicate ad altrettante città italiane, tra le quali spicca per originalità il modello Venezia con un cammeo in pietra Sardonica come quadrante inciso con le sagome di sole e luna.

La divisione gioielli e orologi: esclusività con un pizzico di sorpresa.

Anche se non tanto pubblicizzato, forse per mantenere l’esclusività dei prodotti, il progetto di espansione nell’alto e altissimo di gamma firmato Dolce e Gabbana, partito con la prima collezione di alta gioielleria nel 2012, acquista sempre più spessore. Il mandato dei titolari al direttore della divisione Orologi e Gioielli è stato chiaro: offrire ai pochi clienti che se la possono permettere la qualità massima e l’unicità di ogni creazione, magari anche con un pizzico di sorpresa.

Praticamente un invito a nozze per chi lavora da anni nel settore come lo staff direttivo e i maestri artigiani coinvolti nel processo produttivo: non molti ma super selezionati e abilissimi, oltre che appassionati del loro mestiere. Allo stratega delle casse, che realizza modelli calcolati al millimetro sulla base delle dimensioni dei movimenti interni e delle decorazioni volute dalle esigenze stilistiche, brillano gli occhi quando mostra i suoi virtuosismi. Anche se fuori piove e il paesaggio esterno non è niente più di quello grigio, industriale e operoso, di una provincia lombarda, negli atelier di Dolce e Gabbana sembra entrare (con un po’ di immaginazione) una luce di arcobaleno.

Dolce e gabbana gioielli
Un esemplare della collezione di alta gioielleria Dolce e Gabbana.

Potrebbe interessarti anche l’approfondimento sulla collezione di alta orologeria di Dolce e Gabbana: Manifattura Italiana.