Un lusso contemporaneo, assoluto, che racconta la donna di oggi e la sua complessa personalità. Così Giuseppe di Morabito, stilista del brand omonimo, fonde in ogni sua collezione la cultura visiva del passato con lo stile estetico più attuale.

Contemporary Couture di Giuseppe di Morabito

Ricerca dei tessuti e dei ricami più sofisticati sono solo alcuni dei capisaldi del brand Giuseppe di Morabito, fondato a Milano, nel 2014, dal suo stilista omonimo, classe 1992. I preziosi abiti prêt-à-porter vengono rivisitati con tagli couture nelle collezioni glamour e femminili. La continua scelta di prodotti di alto valore e materiali all’avanguardia diventano una modalità di espressione interessante, che vede un connubio tra riappropriazione della sartoria più tradizionale con uno stile estetico attuale. I tessuti, le lavorazioni, le stampe e tutte le tecniche più classiche vengono utilizzate per la realizzazione di abiti couture curati nei minimi dettagli.

Unicità sartoriale e contemporaneità. Inaspettata contrapposizione

Giuseppe di Morabito rispetta la tradizione stilistica attualizzandola e rivolgendo uno sguardo privilegiato agli atelier di ieri, luoghi magici dove l’alta sartorialità è nata, verso forme d’arte rivolte all’oggi. Una Haute Couture timeless, che adatta i tagli e le linee del passato a capi unici e perfetti per la silhouette contemporanea.

Giuseppe di Morabito courtesy imaxtree
Giuseppe di Morabito_ courtesy imaxtree

Una storia di tradizione e avanguardia

Giuseppe di Morabito nasce nel 1992, in una piccola cittadina della Calabria. La sua infanzia nella campagna del sud Italia eserciterà una forte influenza sulla sua attività di designer, plasmando l’estetica del suo lavoro. I colori e i toni, le trame e le forme, i paesaggi e lo stile di vita della sua terra d’origine ancora oggi fungono da fonte d’ispirazione per la sua creatività. Giuseppe, affascinato dapprima dai siti architettonici storici, sviluppa poi un profondo amore per la storia antica e la tradizione delle arti visive. Con il trasferimento a Milano la sua estetica viene contaminata dalla città moderna e dalle sue molteplici sfaccettature. Il contesto urbano gli consentirà di abbracciare e accrescere il suo stile ibrido, che si destreggia tra la realtà agreste del sud e il substrato metropolitano milanese. Così nel 2014, il suo sogno diventa realtà attraverso il lancio sul mercato della sua linea di abbigliamento donna.

Giuseppe di Morabito _Spring Summer 2018_ courtesy Giuseppe di Morabito

Giuseppe di Morabito, Collezione Autunno Inverno 2019/2020

 La collezione autunno inverno 2019/2020 regala un’interpretazione femminile e divertente dell’heritage artistico italiano. In linea con l’estetica del brand, l’eccentrica e eccessiva Marchesa Luisa Casati, icona di stile degli inizi del 20° secolo, in grado di trasformare la propria vita in un’opera d’arte, è la musa che ha ispirato l’ultima collezione dello stilista. Regina delle feste e mecenate di artisti, è ricordata per il suo lifestyle eccessivo e a volte oltraggioso per l’epoca, che includeva circondarsi di felini come animali da compagnia e organizzare party sontuosi nel suo palazzo veneziano.

Una grammatica sovversiva e irriverente la ritroviamo negli abiti da cocktail e da sera, che divengono gli strumenti ideali per esprimere la propria personalità con un tocco di audacia. Maestose creazioni nate per sedurre, ammaliare e trasformare il corpo femminile in vera e propria opera d’arte.

Giuseppe di Morabito courtesy imaxtree
Giuseppe di Morabito _Fall/Winter 2019/2020_ courtesy Giuseppe di Morabito

Collezione Autunno Inverno 2019/2020, crocevia di stili

 La collezione autunno inverno 2019/2020 è caratterizzata da un crocevia di stili. Da una parte troviamo quello stravagante ed opulento della Marchesa, mentre dall’altra, quello eclettico e appariscente degli anni Ottanta. Un mix travolgente di colori e paillettes illuminano la notte. Le intriganti tonalità di viola, pavone, nero, oro e smeraldo esaltano gli abiti rivelando i materiali preziosi ed esclusivi dalla lussuosa tattilità materica. La proposta spazia da tessuti laminati con stampe leopardo e cavallini ecologici fino a sete ricamate con paillette che creano motivi geometrici floreali di inspirazione anni Venti e maglia metallica.

Giuseppe di Morabito _Fall/Winter 2019/2020_ courtesy Giuseppe di Morabito

Capi simbolici, dallo stile elaborato e maestoso

Costruzioni tipiche della corsetteria, infilature e grandi maniche a sbuffo dall’eleganza retro sono giustapposte a tagli netti e precisi e drappeggi nella caleidoscopica varietà di abiti dalle lunghezze mini e midi.

Giacche sartoriali sono indossate come mini dress, mentre le gonne, che svelano intricati drappeggi e giochi di pieghe, sono indossate con top bustier o mono spalla, a volte arricchiti da dettagli dal sapore orientaleggiante.

Ponendo l’accento sull’attitudine spumeggiante ma elegante della collezione, stivali con tacchi dalle linee sinuose sono realizzati in pelle colorata con stampe che riproducono livree esotiche e sono decorati con scintillanti dettagli gioiello, mentre i maxi orecchini, i bracciali e le borse da sera rivelano una cascata di cristalli per un sofisticato look Art Deco.

Giuseppe di Morabito courtesy imaxtree
Giuseppe di Morabito _Fall/Winter 2019/2020_ courtesy Giuseppe di Morabito

Potrebbe interessarti anche l’articolo sulla mostra a Villa Nazionale Pisani a Stra, fino al 3 Novembre, con gli scatti di Cameraphoto che raccontano il genio di Christian Dior. Leggilo qui.