Sistema moda Italia: durante il Fashion Graduate Italia 2019, scuole, Accademie e Confindustria Moda discutono insieme sulle tematiche più attuali. Per approfondire quale sarà il futuro dell’industria.

Uno dei rischi principali che corre chi analizza il processo creativo nel sistema moda in Italia e nella industria del settore è di restare abbagliato dall’appariscenza mediatica e sociale del settore e di immaginare che il lavoro di tutti i creativi all’interno di questa industria moda sia organizzato secondo in base alla figura dello stilista star, questo induce ad una stagnazione del processo creativo.

La moda si deve contraddistinguere nel generare la bellezza che si declina in emozione e stupore.

NABA CREDITS ANTONIO MIUCCI
Naba Credits Antonio Miucci

Sistema moda Italia: “Moda e lavoro ma anche modernità al passo con i tempi, sono etimologicamente affini, indicano desiderio e ricerca del nuovo”.

La principale emozione umana connessa al “nuovo” è la “sorpresa” che si declina in due capacità fondamentali: quella di stupire attraverso la creatività dei prodotti e quella di innovare i processi per garantire sempre una maggiore qualità di ciò che si produce.
Gli esseri umani gradiscono sempre le sorprese, perché queste li coinvolgono.
La sorpresa fa prese sempre, incuriosisce, le persone amano anche il “ripetersi delle belle soprese” ma a quel punto si divertono specialmente perché provocano il gusto di “riconoscere” qualcosa di bello e di piacevole.

Marangoni Milano Sarah Oliveira, Istituto Harim, Istituto Burgo
Marangoni Milano Sarah Oliveira, Istituto Harim, Istituto Burgo

Claudio Marenzi, Presidente Confindustria Moda ha spiegato “che la moda si contraddistingue per l’intrinseca esigenza di generare bellezza” evocando sensazioni piacevoli e rassicuranti e “che entrambi aspetti richiedono di essere supportati da menti brillanti con idee fresche”.
L’interagire tra sorpresa e riconoscimento consente di vivere un’esperienza estetica nuova, ma anche accettabile e comprensibile.
La sorpresa è bella quando è generata dall’incontro con qualcosa di piacevolmente nuovo e che, nello stesso tempo, è riconoscibile. In questo caso vi è una relazione tra bellezza, novità, tradizione e sorpresa che genera una potente attrazione sull’anima umana.

IUAD, IED, IUAD

Gli esseri umani amano sorprendersi dinnanzi alla bellezza che si manifesta con vesti sempre nuove, ed amano anche riconoscere in esse un’essenza che rievoca e ritorna.
Il primo grande filosofo che ebbe intuizione di questa ambivalenza della moda tra vecchio e nuovo, tra riconoscibilità e sorpresa fu l’illuminista Davide Hume, il quale parlò di una legge del gusto retta dal rapporto tra novelty – effetto sorpresa – e facility – effetto riconoscimento.
Allora possiamo dire che un particolare “gioco della moda” sta nella sorpresa del “nuovo”, ma anche nella sorpresa del “ritorno” che, viene riconosciuto come un passato, ma che diventa attuale, presente, nuovo.

Istituto Secoli Xinya, Istituto Secoli Shengbo, Istituto Secoli Xinya
Istituto Secoli Xinya, Istituto Secoli Shengbo, Istituto Secoli Xinya

“Hume ha scritto: “La bellezza esiste nella mente di chi contempla”, frase assai significativa” dichiara Michele Lettieri Presidente della Accademia di Napoli “perché esprime quanto sia importante la relazione tra “psiche e bellezza”. Nella modernità nasce una particolare ricerca estetica che riguarda la vita quotidiana e non solo il tempo e lo spazio del sacro o della celebrazione dei poteri sociali. E proprio questo è importante trasmetterlo ai nostri giovani che vengono a studiare nella Nostra Accademia affinché siano per antonomasia quelli fanno dell’Italia un’eccellenza mondiale”.

IUAD, IUAD, IUAD
IUAD, IUAD, IUAD

Cosi nasce la moda come ricerca ed espressione del “sorprendentemente nuovo e bello, non solo nel vestire, ma anche nei comportamenti, negli oggetti e negli usi. In effetti, perché mai la bellezza dovrebbe essere sempre la stessa? Quale attività può essere più bella di trasformare la bellezza in forma sempre nuove? Questa attività non riguardava solo i creatori della nuova bellezza, ma anche le persone che, al di là della loro attività e dei ruoli, erano gli attori della bellezza nella società. Ovviamente in origine questi attori-consumatori di “bellezza” appartenevano ai ceti più alti, ma nel corso della modernità ampi strati di popolazione, a vari livelli di possibilità. “seguono la moda”. Oggi la moda diventa essa stessa un concetto di moda in tutta la società, diventa cioè “socialmente emozionante”.

ACCADEMIA DI COSTUME E MODA @machees_fra, DOMUS ACCADEMY CREDITS SUN RONG,MICAM @SURODOSONIA
ACCADEMIA DI COSTUME E MODA @machees_fra, DOMUS ACCADEMY CREDITS SUN RONG,
MICAM @SURODOSONIA

Sistema Moda Italia: Giulia Pirovano, Presidente del Sistema Formativo Moda, racconta le evoluzioni della formazione del settore. 

Il consumo della moda come bellezza provoca anche un suo consumarsi, una sua usura e questo rende necessario un suo ripristino: un eterno ritorno del nuovo.
Si, ma che cos’è la bellezza? Da secoli i pensatori del settore propongono definizioni sulla bellezza.
Una tipica querelle sulla bellezza chiede se essa sia una qualità relativa e/o universale, vedi anche libri su storia della bellezza affrontati da i massimi esponenti del mondo della cultura, come Umberto Eco.
È bello quello che piace – dunque è relativo; ma quello che piace tocca l’assoluto- dunque l’universale.
Con certezza possiamo dire che le persone provano un’emozione particolare dinnanzi al manifestarsi “della nuova bellezza” Ma che cosa consiste questa emozione particolare?
Ci aiuta nella risposta Giulia Pirovano, Presidente Piattaforma Sistema Formativo Moda che lavora sullo sviluppo di progetti cruciali tra mappatura delle professioni moda e accelerazione dei processi creativi, produttivi nonché al monitoraggio delle evoluzioni del mercato. “Consiste nel sorprendersi rispetto alle infinite mutevoli apparizioni della bellezza. Il carattere infinito e molteplice della bellezza è relativo ai gusti- per cui è bello ciò che piace-ma è anche universale- quando il suo splendore appare come evidenza indiscutibile”.

Istituto Marangoni Milano_PietroFadda, Istituto Marangoni Milano_PietroFadda, Istituto Marangoni Milano_PietroFadda
Istituto Marangoni Milano_PietroFadda, Istituto Marangoni Milano_PietroFadda, Istituto Marangoni Milano_PietroFadda

E ribadisce Matteo Secoli presidente dell’Istituto Secoli “La bellezza infinita emoziona perché vuole rilevarsi in modo sempre nuovo, ma al tempo stesso presenta qualcosa che è riconoscibile”.
Il primo filosofo – sociologo a cogliere la relazione tra Moda ed Emozioni è stato George Simmel. Egli evidenziava come, la vita nelle metropoli, così ricca di stimoli e di immagini, comportava una relazione di chiusura difensiva, un atteggiamento tendente alla indifferenza e al “blasé”.

NEXT FASHION SCHOOL, Istituto Secoli Antonella Prato, DOMUS ACADEMY CREDITS SUN RONG
NEXT FASHION SCHOOL, Istituto Secoli Antonella Prato, DOMUS ACADEMY CREDITS SUN RONG

Perciò le emozioni costituiscono il fattore chiave per mantenere alto l’interesse verso i consumi ed è la moda la grande artefice di emozioni da sempre nuove.

Il trend emozionante funziona, quando provoca il piacere delle emozioni legate al sorgere di una nuova bellezza. Per questo i progetti che vedranno luce sotto questo cappello sono volti ad ampliare lo sguardo su una moda che emoziona.
Il rapporto tra moda e nuove sfide professionali è come una storia d’amore che fa scoprire emozioni sempre nuove tra i partner.
Quando l’eros diventa ripetitivo, abitudinario, scontato, perde emozioni e si affievolisce…….

Fare sistema moda in Italia, in un certo senso vuol dire “fare l’amore” con chi ama la moda, proponendo sempre nuovi emozioni su orizzonti, fondati sul patrimonio culturale e sul tessuto imprenditoriale che contraddistingue il Nostro Bel Paese.

FERRARI FASHION SCHOOL, IstitutoSecoli_LudovicaRossi, Istituto MarangoniLondra ph chiara arrigoni
FERRARI FASHION SCHOOL, IstitutoSecoli_LudovicaRossi, Istituto MarangoniLondra ph chiara arrigoni

Si ringraziano tutte le Accademie e Scuole che hanno partecipato al Fashion Graduate per aver concesso le foto di sfilata.