La sua tradizione è il lusso, o il lusso è la sua tradizione. Sfarzi principeschi, in grado di poter soddisfare anche le pretese più inimmaginabili. Materiali di pregevole fattura, linee imponenti, firme esclusive, comodità che difficilmente si accosterebbe a un’automobile.

Qui non si parla, infatti, di semplici automobili, si parla di esperienze extralusso sospese su quattro ruote. Tutte caratteristiche, queste, riassunte da un semplicissimo brand: Rolls-Royce.

Rolls-Royce, modello Phantom grigia

Il modello Phantom rasenta la perfezione. Come progredire, dunque, se non rinnovare l’auto stessa che ha scritto la storia? L’ottava edizione della Rolls-Royce Phantom è un’opera d’arte.

Le innovazioni partono, innanzi tutto, dal telaio. La casa di proprietà BMW ha pensato a un telaio non univoco, ma a una nuova generazione in alluminio adattabile a qualunque modello del marchio.

Gli sviluppi hanno portato a un aumento della rigidità della carrozzeria, compensato da sistemi di controllo all’avanguardia e sospensioni pneumatiche quantomeno intriganti: oltre ad essere auto-livellanti, le sospensioni si avvalgono del Flag Bearer, un sistema di telecamere stereo integrate nel parabrezza che legge la strada autoregolandosi fino a 100 km/h.

Rolls-Royce Phantom nella colorazione viola

Il motore della nuova Phantom è ancora più potente di quello precedente, ma non per questo più rumoroso. Rolls-Royce con questo lancio sta realizzando l’auto più silenziosa al mondo, grazie ai doppi vetri da 6 millimetri ciascuno e 130 Kg di materiale isolante. Non finisce qui. Il doppio pavimento è rivestito da strati di feltro e schiuma e gli pneumatici Silent-Seal sono unici nel loro genere: all’interno presentano della gommapiuma per contrastare il rumore dell’attrito, portando a una riduzione totale di 9 decibel rispetto alla precedente edizione.

Il propulsore V12 da 6,75 litri utilizza due turbo che contribuiscono a una coppia di 900 Nm e sprigionano una potenza di 571 CV scaricati a terra dalla Satellite Aided Transmission (SAT). Il cambio automatico ZF a otto marce è collegato al GPS. “Cosa?” Vi domanderete. Sì, il cambio automatico è collegato al GPS, questo per modulare la frequenza di cambio marcia in base alle caratteristiche del percorso affrontato. Fantascienza ieri, realtà oggi.

In aggiunta, le quattro ruote sterzanti che rendono la guida fluida anche su un’auto lunga 5,76 metri per 2560 Kg di peso, coadiuvate dall’agilità resa possibile dall’accelerazione 0/100 Km/h in 5,3 secondi.

Propulsore V12 della Rolls-Royce Phantom

Pur rispettando la tradizione Phantom, le linee esterne del nuovo modello segnano una svolta nel design Rolls-Royce.

A colpo d’occhio l’auto offre la sensazione di essere un blocco unico di alluminio, quasi come non fosse mai stata assemblata ma solamente modellata. L’assoluta novità è rappresentata dalla griglia frontale: a differenza di tutti gli altri modelli della casa britannica, la griglia è integrata nella carrozzeria circostante. Poco distante i nuovissimi fari a tecnologia laser, capaci di illuminare fino a 600 metri di distanza. I cerchi, da 22 pollici, sono in perfetta sintonia con le proporzioni dell’auto e migliorano il comfort della guida.

Rolls-Royce Phantom - fari a tecnologia laser
Rolls-Royce Phantom - porzione laterale anteriore

Come in tutte le Rolls-Royce, modello Phantom in particolare, gli interni meritano una nota a parte.

L’esperienza all’interno dell’abitacolo trascende ogni concezione tradizionale di automobilismo. La chiusura automatica delle portiere permette di rinchiudersi in un microcosmo in cui tutto rasenta la perfezione. Nulla è fuori posto, nulla potrà mai stonare con i propri gusti, per il semplice motivo che tutto è personalizzabile. Gli effetti del famigerato abbraccio Rolls-Royce sono dati principalmente dall’obiettivo di questo nuovo modello: far sentire il cliente in un vero e proprio salotto di una galleria d’arte. Non a caso, l’insieme di pannelli e strumenti situati sul cruscotto è chiamato The Gallery. La vastissima scelta di componenti va a situarsi dietro a una lastra di vetro che percorre tutta la plancia, quasi come se si volesse dare l’impressione di vere e proprie opere d’arte protette da una teca.  Il conducente può letteralmente comunicare con il computer di bordo tramite gli schermi a colori TFT da 12,3 pollici.

  • Veduta interna dell’abitacolo
  • Postazione di guida
  • Plancia in vetro e impianto di infotainment
  • Porta posteriore

Sarebbe ingiusto limitarsi ai concetti di supercar, auto di lusso, qualcuno azzarderebbe limousine. No, nulla a che fare con tutto questo. Rolls-Royce, con Phantom, ha ideato uno stile proprio, inaccostabile a qualunque altro concept automobilistico. Il nuovo modello migliora, se possibile, i record d’eccellenza raggiunti con la versione precedente, dando alla luce un’icona del lusso unica al mondo.

L’ottava edizione di Rolls-Royce Phantom è arte in movimento.