Un uomo, uno stile. Audace, controcorrente e libero dagli schemi. Fawaz Gruosi e la sua più estrosa creatività tornano ad esaltare la donna con una collezione di alta gioielleria dal nome evocativo: de Grisogono Folies.

I protagonisti di questa favola, raccontata attraverso forme e linee esuberanti e giochi di volume inediti, sono i diamanti bianchi.

È su queste gemme preziose, dalla caratura importante, che lo sguardo di Fawaz Gruosi si posa in Folies, rivisitate da quello stile anticonformista che da sempre è il simbolo della Maison de Grisogono.

de-grisogono-folies-foto-s-high-jewellery-ring-50588_02-b
Collezione Folies: Anello in oro bianco, un diamante taglio pera (4.02 ct), 74 diamanti taglio baguette (5.91 ct), 425 diamanti (7.09 ct)
de-grisogono-folies-foto-o-high-jewellery-earrings-10659_01-b
Collezione Folies: Orecchini in oro bianco, 18 diamanti taglio a pera (51.99 ct), 905 diamanti (7.43 ct)

È il 1996 quando de Grisogono introduce nelle sue creazioni una pietra che diventerà l’emblema del brand: il carbonado.

Il diamante a struttura fibrosa, molto duro e opaco non è una gemma stricto sensu, ed è generalmente riservato all’uso industriale.

De Grisogono, esplorando così un materiale insolito e dalla politura estremamente difficile data la sua porosità, ha saputo vincere la sfida.

Combinando disegni ed emozioni inedite, la visione del designer non ha mai smesso di sorprendere. Come accade oggi in questa collezione di alta gioielleria, dove i diamanti sono esaltati non solo dalle intense tonalità di smeraldi, rubini e zaffiri blu, ma anche dall’uso del rodio nero che permette di ottenere effetti colorati spettacolari con le pietre di colore ed i diamanti neri.

de-grisogono-folies-foto-t-high-jewellery-ring-50708_02-b

Nell’anello in oro bianco, la gemma centrale, un diamante taglio cuscino di 10.23 ct è sostenuto da griffe incastonate con un pavé di pietre colorate ( 60 piccoli zaffiri blu) su rodio nero. Completano l’opera 18 zaffiri blu taglio baguette (5.32 ct), e 319 diamanti (10.68).

de-grisogono-folies-high-jewellery-ring-50717-02b-foto-z

Nell’anello in oro bianco, della collezione De Grisogono Folies, il diamante centrale taglio ovale di 7,01 ct. è contornato da una corolla di 48 diamanti taglio briolette (33,62 ct).

Il gioiello è abbellito da un tocco audace di blu, in puro stile della maison De Grisogono, che spunta dal profilo inferiore della corolla, illuminato da 94 piccoli zaffiri.

È l’ispirazione del direttore creativo a dare vita al disegno da cui nasce l’alta gioielleria di de Grisogono Folies.

Una visione in cui sono fondamentali non solo i volumi ed i colori, ma soprattutto la luce.

Dal disegno, più etereo, i maestri gioiellieri de Grisogono realizzano la creazione, attraverso gesti sapienti, in cui il talento umano e l’artigianalità sono senza tempo.

Collezione Folies: Anello in oro rosa, un diamante taglio rotondo (14,18 ct), 47 rubini taglio briolette (44,20 ct), 94 diamanti (0,11 ct), 365 rubini (3,24 ct)

Nell’anello in oro rosa, è proprio la luminosità che si sprigiona dal caratteristico taglio briolette dei rubini ad amplificare la brillantezza del diamante centrale di 14,18ct.

Il taglio briolette, applicato ad una gemma preformata a goccia, ricoprendola di faccette triangolari, è riconosciuto per possedere una luce affascinante.
Contrariamente ai tagli tradizionali nel briolette non abbiamo né tavola, né corona, né padiglione. La sua forma particolare fu inventata anticamente in India, applicata al diamante.

In Europa divenne popolare intorno al 1600 grazie al mercante francese Jean-Baptiste Tavernier in seguito ad uno dei suoi celebri viaggi in India. Fu poi utilizzato spesso nel XVII ° secolo  per la creazione di gioielli regali e principeschi, come nella collana che Napoleone I regalò  all’imperatrice Maria Luisa d’Austria.
Dieci diamanti briolette del peso di oltre 4 carati ciascuno, alternati a diamanti a pera più grandi, impreziosiscono il gioiello che fu regalato alla Smithsonian Institution di Washington DC. da Marjorie Merryweather Post, tutt’oggi custodito nel museo.