Galop d’Hermès reiventa il tempo della donna. A partire da un presupposto: la bellezza nasce attraverso la funzionalità.

«Le donne contemporanee? Non solo le statiche modelle in posa che vediamo nelle pubblicità. Sono donne perennemente in movimento, in corsa attraverso il tempo». Da questa prospettiva è partito Ini Archibong
, designer americano, per realizzare il nuovo orologio Galop d’Hermès.

Oggi l’80% dei segnatempo prodotti dalla Maison Hermès sono orologi da donna. Per realizzare la nuova icona era necessario quindi comprendere l’universo femminile nel suo spirito contemporaneo, senza dimenticare però quelle influenze equestri che hanno segnato la storia del marchio. La collaborazione con il designer, nato a Los Angeles e residente in Svizzera, è nata tre anni fa, dopo un incontro a Losanna con Philippe Delhotal, direttore artistico della Montre Hermès.

galop_d_hermes_steel_ambiance_copyright_mel_bles
Galop d’Hermès – Cassa in Acciaio 316L, con o senza incastonatura di 150 diamanti (≈ 0,66 ct), dimensioni 40,8 × 26 mm, distanza tra le anse di 10 mm. Lancette rodiate. Fibbia ad ardiglione in acciaio 316L, 10 mm.

«Una creazione non è mai frutto di un azzardo, ma scaturisce da un incontro. È l’interazione tra più persone. Galop d’Hermès è nato proprio in questo modo», racconta Philippe Delhotal. «Ho conosciuto Ini Archibong a Losanna tre anni fa. Fin ad allora non aveva mai lavorato nell’universo orologiero. Aveva quindi uno sguardo completamente libero, puro e disgiunto dai canoni dell’orologeria tradizionale. Ciò rappresentava un grande valore aggiunto. La sua carriera si era sviluppata nel design di arredamento, dove forme e proporzioni sono decisamente più ampie rispetto alla meccanica orologiera». Nel corso dei primi mesi Philippe Delhotal ha trasmesso al designer i codici e le conoscenze necessarie per nutrire una intesa perfetta. «Una sorta di osmosi e di armonia che in tre anni ha portato alla creazione del nuovo orologio femminile Galop d’Hermès ».

Galop d’Hermès nelle varianti in acciaio con cinturino Vitello Barénia naturale o con cassa in oro rosa e diamanti con cinturino in alligatore liscio.

«La Maison Hermès mi ha concesso piena libertà creativa» prosegue il designer americano.

«Prima di concentrami sul design era necessario che mi calassi completamente nella realtà del marchio, per apprenderne la cultura, la storia e il ricco patrimonio. Ho passato molto tempo al Conservatoire des créations Hermès dove sono repertoriati tutti i prodotti realizzati dal marchio fin dalle 1837. Un luogo che rappresenta in ogni angolo la storia della Maison».

Ini Archibong si è lasciato ispirare in particolare da tutti gli elementi e gli oggetti del mondo equestre, bardature, finimenti, staffe. Protagonisti dell’arte della cavalleria e da sempre nel cuore della casa francese. Oggetti dall’estetica perfetta ma innanzitutto funzionali per l’attività equestre in ogni loro dettaglio.

Galop d’Hermès – Cassa in oro rosa con o senza incastonatura di 150 diamanti (≈ 0,66 ct), dimensione 40,8 × 26 mm, distanza tra le anse di 10 mm. Quadrante argentato grainé, centro opalino, cifre arabe decalcate poudré dorate, contorno antracite, lancette dorate. Vetro zaffiro antiriflesso. Movimento al quarzo, fabbricato in Svizzera. Funzioni: ore e minuti. Cinturino in Alligatore liscio blu zaffiro, brace, ribes nero, grigio elefante o nero. Fibbia ad ardiglione in oro rosa, 10 mm. Impermeabile a 3 bar.

«Ho compreso che era imprescindibile approfondire valori come aerodinamica, velocità, efficienza».

«Qualità che il marchio ha sempre approfondito nella creazione dei suoi prodotti. E che era necessario includere nella silhouette di un orologio da donna che fosse al passo con i tempi. Una sorta di rivisitazione del patrimonio del marchio, dotata di una forte personalità contemporanea».

Lo studio del designer si è quindi focalizzato sulle forme della cassa. Che siano in oro rosa o in acciaio, a custodire il movimento sono curve dolci ed angoli smussati. Linee femminili e nel contempo energiche e risolute che interpretano alla perfezione l’obbiettivo ergonomico prescelto. Il metallo lucido e luminoso fende l’aria dolcemente ma con sicurezza nel suo viaggio per mano al tempo.

Balza subito agli occhi la corona di carica, nascosta a ore sei. Un posizionamento scelto per non disturbare la forma armonica della cassa. Percepito, perché no, anche come un vezzo di stile e di eccentricità ad esaltare la personalità del segnatempo. Un orologio perfetto per moderne cavallerizze proiettate verso i loro traguardi. Con quella speciale attitudine all’eleganza firmata Hermès.

Leggi qui l’intervista di Laura Canepa a Philippe Delhotal durante l’edizione del SIHH 2018.