Quella di PyeongChang sarà ricordata come l’Olimpiade invernale delle due coree “unite” e senza barriere. Ma anche come la 28esima edizione del “giochi bianchi” disputata sotto la supervisione del marchio di Bienne. Che ne ha curato il timekeeping, realizzando inoltre per i collezionisti una nutrita serie di edizioni limitate da polso.

Una delle cinque referenze della Collezione Seamaster Olympic Games di Omega, con cinturino blu traforato.
Una delle cinque referenze della Collezione Seamaster Olympic Games. I 2.032 esemplari di ogni referenza ricordano che proprio nel 2032 Omega celebrerà il secolo come official timekeeper dei Giochi Olimpici.

Dieci referenze per un singolo avvenimento, seppur di rilevanza mondiale, non sono certo un qualcosa di scontato. Un numero corposo, perfetto per consentire a tutti di scegliere quella più calzante al proprio stile e ai propri gusti, persino esagerato per gli indecisi cronici o per chi invece, collezionista seriale di orologi da polso creati in serie limitata in occasione di eventi speciali, sarà costretto a fare selezione trovandosi inevitabilmente di fronte a un’ardua scelta. Omega, in occasione dei Giochi Olimpici Invernali di PyeongChang 2018, non ha infatti lesinato in termini di impegno lanciando, in un accorto e puntuale processo di avvicinamento alla manifestazione, due collezioni dedicate più due ulteriori modelli a tema. Ad ampio spettro. Eleganti e magari, perché no, in oro. Sportivi e al tempo stesso classici, e quindi in acciaio. Professionali, per immersioni. O semplicemente caratterizzati da un tocco del giusto colore. Elemento caratterizzante dei “giochi” , a partire dal logo.

In occasione di PyeongChang 2018 Omega ha dato fondo alla creatività lanciando sul mercato cinque referenze della Collezione Seamaster Olympic Games, tre della Seamaster Olympic Games Gold Collection, oltre a un Seamaster Planet Ocean e un Seamaster Aqua Terra in edizione dedicata e limitata.

3 referenze con cassa in oro della Collezione Seamaster Olympic Games Gold Collection - Omega
Oro, oro e ancora... oro. Pur volendo emulare con i colori i tre metalli nobili del medagliere, la cassa delle tre referenze della Seamaster Olympic Games Gold Collection è disponibile solo in oro. Giallo, Sedna e Canopus.

Ultima in ordine di tempo a celebrare i Giochi Olimpici in svolgimento dal 9 al 25 febbraio a PyeongChang, la Collezione Seamaster “Olympic Games”.

Cinque referenze, come detto, ognuna con il cinturino, la lancetta centrale dei secondi, e l’anello sul quadrante suddiviso in tre sezioni da 20 secondi ciascuna per agevolare nel conto delle pulsazioni, in uno dei caratteristici colori che contraddistinguono gli altrettanti anelli olimpici.

Un modello con cassa da 39,5 mm in acciaio e movimento meccanico a carica automatica calibro 8800 con componenti in silicio certificato Master Chronometer e quindi insensibile all’effetto dei campi magnetici fino a 15mila gauss. Ma anche con un quadrante che riprende quello dei cronometri utilizzati da Omega nelle Olimpiadi di Montreal e Innsbruck. Ciascuno in 2.032 esemplari. A cui si aggiungono i 100 di altrettanti “set” comprendenti tutti e cinque i modelli (questa volta con quadrante bianco che riprende quello dei cronometri di Londra 1948) e la riproduzione in formato ridotto della campana in bronzo che nelle gare segnala storicamente l’inizio dell’ultimo giro.

Collezione Seamaster Olympic Games - Omega: Un diver ai Giochi Olimpici Invernali.
Un diver ai Giochi Olimpici Invernali. Tra i modelli scelti per celebrare l'evento, anche il Seamaster Planet Ocean. Con tanto di valvola per l'espulsione dell'elio e impermeabilità fino a 60 atmosfere.

Tre sono invece i modelli facenti parte di un’altra “capsule” lanciata proprio in prossimità dell’accensione del braciere olimpico: la Seamaster Olympic Games Gold Collection.

Micro famiglia che, solamente a livello cromatico, va a riprendere il classico colore delle medaglie in palio. Perché in quanto a materiali, Omega ha scelto per tutti il metallo più nobile, ovverosia l’oro. Giallo, Sedna e, per la prima volta, quello che a Bienne è stato battezzato Canopus. Composto cioè da una lega esclusiva di oro bianco nobile al 100%, più brillante di quello tradizionale nella medesima nuance. Un terzetto di referenze dal tono vintage, con cassa da 39,5 mm, quadrante bombato in smalto bianco e movimento meccanico automatico Calibro 8807 certificato Master Chronometer.

In aggiunta al “podio” di referenze della Seamaster Olympic Games Gold Collection Omega ha lanciato anche 100 esemplari del medesimo modello con cassa in platino, questa volta abbinata a un quadrante laccato nero e a un cinturino, sempre nero, in pelle.

Il modello Seamaster Aqua Terra PyeongChang 2018 Edizione Limitata - Omega
Discendente della collezione Aqua Terra 150M, il modello Seamaster Aqua Terra PyeongChang 2018 Edizione Limitata si differenzia per il numero dell'edizione inciso sul lato della cassa.

A rompere gli indugi, con PyeongChang ancora lontano all’orizzonte, sono state però sul finire dello scorso anno due referenze celebrative entrambe realizzate in edizione limitata a 2018 esemplari ciascuna. Due ulteriori Seamaster. Il primo un Planet Ocean vestito nei colori della bandiera coreana che, look a parte, dice la sua per tutta una serie di credenziali di riferimento. Su tutte, quadrante e ghiera girevole unidirezionale in ceramica blu, valvola per la fuoriuscita dell’elio (è impermeabile fino a 60 atmosfere), fondello a vite e movimento meccanico automatico Calibro 8900 certificato Master Chronometer. Il secondo, un Aqua Terra animato dal calibro automatico 8500 e diretto discendente della famiglia Aqua Terra 150M (impermeabile a 15 atmosfere). Più tradizionale, se non fosse per l’iscrizione “PyeongChang” che riporta ai margini del quadrante. Messa lì non certo a caso. Ma studiata per far collimare l’anno 2018 nell’esatta posizione che le due cifre, 20 e 18, occuperebbero normalmente sulla scala dei minuti. Un’opportunità mai più ripetibile.

Al termine delle Olimpiadi Invernali Omega resterà sul campo a PyeongChang. A partire dal 9 marzo, infatti, il marchio orologiero di Bienne sarà infatti impegnato in Corea come official timekeeper dei Giochi Paralimpici.

Una selezione dei cinturini NATO proposti da Omega durante i Giochi Olimpici. Tutti sono dotati di fibbia in acciaio inossidabile e passanti coordinati - Omega
Una selezione dei cinturini NATO proposti da Omega durante i Giochi Olimpici. Tutti sono dotati di fibbia in acciaio inossidabile e passanti coordinati.

Infine, una nota di colore. A tutti gli effetti. Perché con l’occasione dei Giochi Olimpici Invernali 2018 Omega ha anche approfittato per lanciare una gamma composta da 24 cinturini NATO pensati per personalizzare i propri orologi da polso. E realizzati sullo stile di quelli utilizzati dai militari britannici durante la Seconda guerra mondiale. 18 di essi a riprendere le bandiere nazionali e 6 a riproporre i colori dei cinque cerchi olimpici.