Nove referenze in edizione limitata, spin-off creativo di una collezione già affermata ed apprezzata di casa Rado. Trait d’union, il colore, d’autore. Essenza e sostanza dei nuovi True Thinline Les Couleurs Le Corbusier.

Rado True Thinline Les Couleurs Le Corbusier
Rado True Thinline Les Couleurs Le Corbusier – qui nella colorazione verde inglese con sfumature grigie – cassa (da 39 mm) e bracciale in ceramica hi-tech opaca – fondello in titanio – movimento al quarzo – serie limitata a 999 esemplari per ogni colore.

Padroneggiare l’arte della ceramica hi-tech non è certo cosa da tutti. E la riprova sta nel fatto che, in orologeria, i brand in grado di proporla al grande pubblico si possono letteralmente contare sulle dita di una mano. Senza considerare che, meno ancora, sono quelli in grado di produrla. Figuriamoci poi colorarla. Perché potrà sembrare una banalità, ma ottenere il tono voluto in un materiale destinato ad essere sinterizzato, o cotto che dir si voglia, a temperature prossime a 1.500° centigradi è più difficile che centrare un terno secco al lotto. Perché i pigmenti aggiunti all’ossido di zirconio, base di partenza della ceramica stessa, tendono a modificare la loro cromia alle elevate temperature. Si parte con un colore, insomma, e si rischia di finire con un’altro. Motivo per il quale il 90% della ceramica ad uso orologiero in circolazione è bianca oppure nera. Scelta di comodo. Per tutti ma non per Rado, che da quando l’ha introdotta, nell’ormai lontano 1986, ha imparato a colorarla a piacimento in una nutrita palette che da quest’anno comprende anche nove sfumature d’autore adottate per dare un tono alla nuova collezione a tiratura limitata True Thinline Les Couleurs Le Corbusier.

La ceramica hi-tech è un materiale relativamente nuovo, specie in orologeria. Padroneggiarlo a dovere richiede competenze fuori dal comune tanto che la sua lavorazione meriterebbe il titolo di moderno Métiers d’Art.

Rado True Thinline Les Couleurs Le Corbusier
Perfettamente unisex, il Rado True Thinline Les Couleurs Le Corbusier si fa apprezzare al polso per la sua estrema sottigliezza nonché per la sua innata leggerezza.

Ma cosa ci azzecca uno come Le Corbusier con una linea ispirata ai toni di una “mazzetta pantone” e soprattutto con Rado? Ci azzecca, e non poco. Perché come il nome della collezione lascia ad intendere, un legame c’è, e più che fondato. Meglio allora fornire qualche dettaglio. Noto principalmente come architetto e designer, Le Corbusier (1887 – 1965) nella sua lunga carriera creativa si è anche interessato di colori, da lui ritenuti fondamentali – in alcune delle loro cromie – per esaltare al meglio la parte architettonica delle strutture così come dei complementi di arredo. Un interesse che lo ha portato a redigere la cosiddetta Architectural Polychromy, ovvero una sorta di “trattato” deputato a selezionare un limitato ventaglio di tonalità ritenute a modo loro ideali: 43 identificate in una prima tranche nel 1931, e suddivise in 14 gruppi, e altre 20 aggiunte a quasi trent’anni di distanza, nel 1959. Queste ultime più audaci, molto probabilmente in linea con i gusti del tempo. Tra queste ha ora attinto Rado per strutturare le nove referenze dei suoi nuovi True Thinline Les Couleurs Le Corbusier.

Architectural Polychromy definita da Le Corbusier
La palette dell’Architectural Polychromy definita da Le Corbusier tra il 1931 e il 1959. Grazie ad un accordo di partnership con l’organizzazione svizzera che ne gestisce i diritti in licenza Rado si è assicurata il suo utilizzo in esclusiva nel campo dell’orologeria

Rado e, nel campo dell’orologeria, solo Rado. Perché in anni recenti la Fondazione Le Corbusier di Parigi ha dato mandato all’organizzazione svizzera Les Couleurs Suisse AG di gestire a livello mondiale i diritti esclusivi di licenza della Polychromy. Ente con il quale proprio Rado ha quest’anno annunciato la definizione di una partnership di grande coerenza. Design, colore, spirito di sperimentazione sono da sempre infatti capisaldi del brand di Lengnau, che per l’occasione ha scelto un suo modello icona – il True Thinline – per dare forma all’accordo. Una capsule collection, quella del True Thinline Les Couleurs Le Corbusier, animata da un movimento al quarzo Swiss Made e contraddistinta dalla grande leggerezza e vestibilità (lo spessore della cassa, di soli 5 mm, ne fa un autentico ultra piatto) dei suoi modelli, declinati in nove varianti di colore riprodotte ciascuna in tiratura limitata a 999 esemplari.

Bianco crema, grigio ferro, blu oltremare, giallo sole, rosa brillante, arancione intenso, verde inglese, terra di Siena e grigio marrone. Queste le tinte selezionate da Rado per il True Thinline Les Couleurs Le Corbusier.

Le Corbusier
Le Corbusier, all’anagrafe Charles-Édouard Jeanneret-Gris, è stato un celebre architetto e designer svizzero. È nato a La Chaux-de-Fonds, patria dell’orologeria elvetica, nel 1887.

Leggi anche l’articolo su IWC Portugiser. Lo trovi qui.