Particolarmente apprezzato dai collezionisti per la sua affidabilità, il calibro automatico 1120 QPSQ è stato oggetto di un complesso lavoro di scheletratura. Il risultato è un nuovo affascinante esemplare della collezione Vacheron Constantin Overseas.

Vacheron Constantin Overseas Calendario Perpetuo Ultra Piatto Scheletrato – Ref. 4300V/120R-B547 – cassa in oro rosa di 41,5 mm di diametro e 8,1 mm di spessore – quadrante in vetro zaffiro – movimento meccanico a carica automatica calibro 1120 QPSQ, sviluppato e prodotto da Vacheron Constantin – certificato dal Punzone di Ginevra. Funzioni: calendario perpetuo, fasi lunari. Riserva di carica: circa 40 ore. Bracciale in oro rosa, chiusura déployante a tripla lama, in dotazione secondo cinturino in pelle di alligatore Mississippiensis blu e terzo cinturino in caucciù blu. Fondello in vetro zaffiro. Impermeabile fino a 5 atmosfere (50 metri). Prezzo su richiesta.

Nel 2016 la linea Overseas entra a far parte della gamma Vacheron Constantin. Le sue radici affondano lontano e si ricollegano agli anni Settanta, esattamente al 1977, quando in occasione del 222° anniversario della Maison venne lanciata la celebre referenza “222”, impermeabile fino a 120 metri e contraddistinta da codici stilistici propri dell’epoca. Nel 2016 la sua eredità è stata idealmente raccolta dalla collezione Overseas, serie sportiva moderna di Vacheron Constantin che nasce per esplorare nuovi orizzonti, caratterizzata da un’eleganza casual e pratica. Grazie al funzionale sistema di intercambiabilità dei cinturini e a un perfetto adattamento delle chiusure, gli Overseas sono compagni di viaggio ideali, versatili e adatti a qualunque ambiente. Al suo esordio la collezione prevedeva già la presenza del Calendario Perpetuo Ultra Piatto animato da un movimento automatico di soli 4,05 millimetri di spessore, il calibro 1120 QPSQ, un meccanismo che gli intenditori stimano per la sua assoluta precisione e per le prestazioni: nessuna regolazione è infatti necessaria fino al 1 marzo 2100, né per le indicazioni di giorno, data e mese, né per le fasi lunari. Lanciato in un’elegante veste in oro bianco, appena due anni dopo, nel 2018, l’orologio verrà realizzato nella sofisticata variante in oro rosa che oggi la Casa reinterpreta in una nuova e prestigiosa versione con meccanismo intensamente traforato. Una lavorazione accurata e minuziosa interessa tutti gli ingranaggi così come la massa oscillante con trattamento NAC e inserto in oro 22 carati, per la prima volta nella collezione Vacheron Constantin Overseas approfonditamente scheletrata in modo tale da valorizzare il design stilizzato a forma di croce di Malta.

Vacheron Constantin intraprende un viaggio nel cuore della complessità meccanica attraverso l’arte della scheletratura che, combinata al concorso di diverse sapienze e alla ricercatezza di un materiale prezioso per cassa e bracciale, garantisce la perfezione estetica desiderata.

 

Le componenti del movimento vengono scheletrate e accuratamente rifinite con un paziente e certosino lavoro manuale.

La scheletratura, o traforatura, annoverata a tutti gli effetti tra i “métiers d’art”, è considerata una vera e propria specializzazione che richiede un percorso professionale diversificato. Si tratta di una serie di operazioni in cui diverse parti del movimento (platine, ponti, etc.) vengono svuotate a seghetto e limate al fine di trasformare il meccanismo stesso in una sorta di “pizzo” o “merletto” completamente traforato, che regala un gioco incredibile di trasparenze. Realizzate prevalentemente a mano, fanno parte del patrimonio storico delle principali Maison che si sono cimentate in quest’arte affascinante e complicata dove tutto il processo di lavorazione dev’essere condotto con estrema delicatezza per evitare che l’obiettivo del raggiungimento della sottigliezza e dell’ariosità possa mettere in pericolo la struttura stessa di un calibro. Se da una parte la scheletratura si è modernizzata e per accontentare le esigenze del pubblico si è fatta “tecnica”, “funzionale”, dall’altra rimane comunque vivo il fortissimo richiamo alla tradizione che rende omaggio a quegli esemplari di alto lignaggio del passato. Una tradizione di cui è portavoce Vacheron Constantin, oggi tra le rare Manifatture ancora in grado di scheletrare movimenti complessi come i calendari perpetui e gli ultra-piatti. E lo dimostra il calibro 1120 QPSQ dell’Overseas Calendario Perpetuo Ultra Piatto Scheletrato, in cui tutti i componenti sono stati svuotati, rifiniti e decorati al fine di esaltare la bellezza dell’intero meccanismo, resa opportunamente visibile da un quadrante in vetro zaffiro e da un fondello trasparente.

Tecnica altamente sofisticata per un calendario che non richiede nessuna regolazione fino al 2100 né per le indicazioni di giorno, data e mese, né per le fasi lunari. Una vera e propria sfida sia nel design che nella miniaturizzazione in un movimento estremamente sottile di soli 4,05 millimetri di spessore.

Il calibro automatico 1120 QPSQ, a vista attraverso il quadrante e l’ampio oblò in vetro zaffiro del fondello, ha funzioni di calendario perpetuo con indicazione della fasi lunari. Per la prima volta nella collezione Vacheron Constantin Overseas la massa oscillante, sulla quale si evidenzia la croce di Malta, si presenta approfonditamente scheletrata.

Scheletratura a parte, il meccanismo è stato rifinito in maniera tale da renderlo perfettamente uniforme con lo stile Overseas accentuandone ulteriormente la bellezza dei componenti tramite venatura delle superfici, smussatura di linee rette e curve, spazzolatura circolare, soleillé satinato, perlage e lucidatura. In più, attraverso un trattamento elettrolitico NAC, si è ottenuto un colore grigio antracite che contribuisce a rendere la sua estetica decisamente contemporanea. Dal punto di vista tecnico il calibro 1120 QPSQ, di 29,6 millimetri (12 linee e 1/2) di diametro e 4,05 millimetri di spessore, 276 componenti, 36 rubini, 19.800 alternanze/ora, offre circa 40 ore di riserva di carica e viene certificato dal Punzone di Ginevra. Per quanto riguarda l’habillage, anche il quadrante è stato ripensato e realizzato in vetro zaffiro che garantisce una perfetta visibilità del movimento sottostante. Per l’occasione sono stati applicati indici delle ore in oro rosa, l’emblema della croce di Malta, nonché i contatori di giorno, data e mese. Inconfondibile personalità Overseas sia per la cassa che per il bracciale, scolpiti nell’oro rosa: la prima, incredibilmente sottile, ha uno spessore di appena 8,1 millimetri, un diametro di 41,5 millimetri, anello in ferro dolce per una protezione antimagnetica, ed è garantita impermeabile fino a 5 atmosfere (circa 50 metri). Il bracciale, composto da una serie di maglie lucide e satinate a forma di mezza croce di Malta, viene assicurato da una chiusura déployante a tripla lama con pulsanti e sistema di allungamento. Come tutti i modelli della collezione Vacheron Constantin Overseas anche questo straordinario orologio può essere personalizzato grazie a un sistema semplice ed efficace di cinturini intercambiabili che prevede, insieme al bracciale in oro, la dotazione di altri due cinturini blu, uno in pelle di alligatore Mississippiensis con fodera microperforata in nabuck, l’altro in caucciù. Entrambi sono equipaggiati con fibbia in oro rosa.

Libertà di personalizzazione e grande versatilità grazie all’intercambiabilità dei cinturini. Oltre al bracciale in oro l’orologio viene infatti fornito con un cinturino in pelle di alligatore Mississippiensis e uno in caucciù, entrambi di colore blu.

La possibilità di alternare un bracciale in oro rosa con due cinturini in alligatore Mississipiensis o caucciù blu, rende l’orologio particolarmente poliedrico.